CONDIVIDI

Scandicci-Conegliano 0-3 (23-25, 23-25, 20-25)
Grazie a una grande gara di Samantha Fabris l’Imoco Conegliano conquista il primo punto per arrivare alla finale del campionato italiano. Le toscane nei primi due set hanno avuto le loro occasioni, ma non sono riuscite a sfruttarle.

Il primo set resta in equilibrio fino al 20 quando l’Imoco Conegliano riesce a mettere la freccia: il copione è sempre lo stesso la squadra di Santarelli che riesce a non fare dilagare la forza di Isabelle Haak (premiata con il Trofeo Gazzetta prima della gara) e di affidarsi a sua volta a Fabri e Hill per concretizzare il contrattacco. E’ la stessa croata che mette il sigillo al primo set. La Savino del Bene cerca il riscatto nel secondo parziale e va in vantaggio di addirittura 5 punti, ma le toscane di Carlo Parisi non decollano mai veramente, c’è sempre qualcosa che blocca la squadra che con questo sistema chiede gli straordinari alla dominicana Betanya de La Cruz, spesso chiamata in causa in ricezione e attacco. Le centrali dell’Imoco, prima Folie e poi Danesi combinano guai per le avversarie che sono sempre più in difficoltà al 22 si materializza il clamoroso sorpasso per l’Imoco che mette in cassaforte anche il secondo set con lo stesso punteggio.

Savino del Bene con la maglia celebrativa della semifinale

lunedì — Nel terzo set è ancora Conegliano che controlla nettamente la partita: anzi l’Imoco scappa portandosi in vantaggio di 4 punti (12-16), non ci sono più schemi per la Savino del Bene che sparisce dal campo e si arrende con la sconfitta più netta. Nel prossimo fine settimana ci sarà la gara-2 al Palaverde, mentre lunedì pomeriggio a Novara va in scena la seconda semifinale con le tricolori dell’Igor che ricevono l’Unet Busto Arsizio.

gasport

© riproduzione riservata