CONDIVIDI

1)Primo titolo ITF della stagione per Lorenzo Giustino. Alla seconda finale, dopo quella persa a Manacor contro Munoz de la Nava, a Santa Margherita di Pula l'azzurro ha battuto 75 75 Martin Cuevas, il fratello di Pablo, che come lui si presentava alla finale con 8 vittorie nelle ultime 10 sul rosso.

Lorenzo Giustino è l'unico a superare i quarti di finale in questa quarta settimana di tennis professionistico al Forte Village. Testa di serie numero 1, rimonta da sotto 0-5 per eliminare il tedesco Paul Woerner e si ripete, in due ore e 49 minuti, cotro il rumeno Bogdan Ionut Apostol, 26 61 76(4).

In semifinale, domina 64 60 il serbo Miljan Zekic, testa di serie numero 5. Giustino, che la prossima settimana giocherà il Challenger di Alicante e debutterà contro Taberner (0-1 i precedenti), resta intorno alla posizione numero 240.

2)A Sharm, prima semifinale per Francesco Forti, classe 1999, che raggiunge la prima semifinale in carriera e avvicina la top-1000. Seguito da Antonio Cannavacciuolo, supera le qualificazioni, elimina Pavel Cias, Blanco Guadalupe, che ha due anni di più, e nei quarti contro Safiullin sfodera il meglio del suo gioco per firmare la sorpresa della settimana.

Il suo è un tennis "all'americana", con un servizio vario e solido, e chiari margini di miglioramento sul rovescio e negli spostamenti. Il russo, che veniva da 12 vittorie consecutive, piazza cinque break e chiude con un ultimo turno di battuta scandito da soli servizi vincenti.

La seconda rimane il suo limite, e il 16% di punti nella semifinale lo condiziona nella semifinale, chiusissima, contro Teymuraz Gabashvili. Vilardo, invece, cede al secondo turno contro Petr Hajek che aveva eliminato Guido Marson, costretto al ritiro quando si trovava sotto 62 32.

3)A Lisbona, Adelchi Virgili perde 75 61 al primo turno contro l'austriaco David Pichler, che interrompe così una serie di cinque sconfitte consecutive. Virgili, l'avversario meglio classificato che Pichler che abbia battuto quest'anno, salva un set point poi Virgili, che continua a cercare quasi solo la soluzione anticipata con poca lavorazione del colpo, si sgonfia.

4)A Heraklion si fa notare Jannik Sinner, sedicenne che raggiunge il secondo turno e conquista il suo primo punto. Dopo aver superato le qualificazioni, supera 64 62 all'esordio Mateo Nicolas Martinez, che converte solo 6 delle 25 palle game contro Sinner, che vince 8 dei 9 game lottati e serve molto meglio da destra.

L'azzurro cede 64 64 al secondo turno contro la testa di serie numero 2, il bielorusso Yaraslav Shyla, che firma cinque break contro l'azzurro che sulle palle break mette la prima solo una volta. Fuori al primo turno Erik Crepaldi, eliminato da Yannick Yankovits, testa di serie numero 1, 76 75 5)Simone Roncalli è il migliore degli azzurri a Hammamet.

Il milanese, che da tempo fa base a Bordighera, ha raggiunto i quarti di finale per la prima volta in stagiome. Il milanese, che sa di dover lavorare per rendere il dritto più incisivo e ha giocato l'ultimo campionato di B con il Tennis Scaligero di Verona, l'anno scorso ha cercato una programmazione più ambiziosa ma quest'anno ha deciso di dividersi tra Sharm e Hammamet, dove questa settimana ha beneficiato del ritiro di Alexander Vasilenko al primo turno e superato al secondo Juan Carlos Saez, che era avanti di un set e di un break (62 42) firmando la quarta rimonta in stagione e conquistando la sesta vittoria su otto partite al terzo set nel 2018.

Nonostante l'82% di prime, cede 64 62 al brasiliano Orlando Luz che aveva eliminato al secondo turno Jacopo Stefanini al termine di un match dall'andamento improbabile: 6-0 per l'azzurro, poi parziale di 12 game a uno del brasiliano.

Fuori al secondo turno Dante Gennaro, battuti all'esordio i qualificati Edoardo Lavagno e Tommaso Gabrieli, e la wildcard Ludovico Scerrati. 6)Fuori al primo turno ad Antalya Riccardo Bellotti e Fabrizio Ornago, teste di serie 4 e 5 di Antalya.

Bellotti, che non giocava da oltre quattro mesi, cede all'esordio 62 75 contro la wild card turca Sarp Abaguin che salva un set point nel secondo parziale. Rientro amaro anche per Ornago, sconfitto 61 60 dall'argentino Cerundolo.

Entrambi gli azzurri sono gli avversari con la miglior classifica che i loro rispettivi avversari abbiano sconfitto in stagione. 7) Cristiana Ferrando si ferma al secondo turno nel più importante degli ITF femminili della settimana, il torneo da 60 mila dollari a Croissy-Beaubourg.

L'azzurra, lucky loser, lascia due game a Chiara Scholl, e dà battaglia alla tedesca Tamara Korpatsch che chiude 36 60 76(5) e completa la seconda vittoria in rimonta della stagione.

L'azzurra, che serve per il match sul 65 nel terzo, subisce la settima sconfitta nelle ultime dieci partite al tiebreak decisivo. 8)Deborah Chiesa, nella sua prima finale stagionale, cede a Santa Margherita di Pula contro Mandy Minella che conquista il 13mo titolo ITF, il primo dal 2016.

Chiesa si è arresa 63 76(7) ma nel secondo parziale è stata avanti 3-0 e 4-2 e mancato un set point nel tiebreak. Nel suo percorso in Sardegna, ha eliminato Laura Schaeder, Katharina Hogbarski, ha battuto Federica Di Sarra nel derby di quarti dopo aver salvato tre match point sul 6-5 nel terzo set, firmando così la sesta vittoria su nove al set decisivo quest'anno, e piegato in due set la russa Valentyna Ivakhnenko, testa di serie numero 8 in semifinale.

Anastasia Grymalska cede invece al secondo turno nel primo confronto diretto contro Danka Kovinic, testa di serie numero 2, che completa quattro break nel 75 62 finale.

9) A Sharm, nel torneo da 15 mila dollari, Dalila Spiteri, unica italiana in tabellone, batte la qualificata Annelou Nab, olandese, con 3 break e l'81% di punti con la seconda, ma cede al secondo contro la georgiana Mariam Bolkvadze, testa di serie numero 7, che domina 62 61 e gioca meglio i punti importanti.

10)Nel 15,000 di Heraklion, Stefania Rubini, testa di serie numero 1, raggiunge i quarti di finale per la quarta volta in stagione, dopo le due semifinali e la finale a Solarino.

Rubini cede 76(3) 63 contro la svizzera Ylenia In-Albon, testa di serie numero 7, alla tredicesima vittoria consecutiva (serie che si chiuderà in semifinale contro Lisa Sabino), che si conferma imbattuta nei tiebreak quest'anno.

11)Anna Giulia Remondina si spinge per la terza volta quest'anno ai quarti di finale nel ciclo di tornei ITF di Hammamet.

Il suo percorso si ferma contro la bulgara Isabella Shinikova, testa di serie numero 2, che ottiene la decima vittoria nelle ultime 12 partite. Fuori al secondo turno Camilla Scala, che ha ceduto per 64 61 alla spagnola Eva Guerrero Alvarez, pur avendo avuto palla game altre in cinque occasioni.

Battute all'esordio infine Veronica Napolitano e Marianna Natali. .