CONDIVIDI

© EPA

Golden State torna al successo a Sacramento ma rischia di perdere il suo esterno per una brutto colpo alla schiena. I Celtics battono Toronto in volata.twitta[1]

ROMA – Nella notte NBA i Celtics si impongono nello scontro al vertice della Eastern Conference: Raptors battuti 110-99 e sesto successo consecutivo per Boston che la vince con Horford (14 punti), Morris (25 punti e 9 rimbalzi) e Tatum (24 punti). I Raptors si arrendono in un finale concitato nonostante DeRozan (32 punti), fatale il 23% dall’arco. Incredibile ma vero, Miami si suicida con i Nets cedendo dopo un overtime 109-110 e rischia di compromettere così la rincorsa al sesto posto della Eastern Conference. A 34 secondi dalla fine LeVert segna il canestro decisivo, poi Wade sbaglia l’ultimo tiro e lamenta pubblicamente un contatto non fischiato dagli arbitri. Whiteside 14 punti ma gioca solo 20 minuti e non la prende bene, agli Heat non basta portare sette uomini in doppia cifra. Ottimo Hollis-Jefferson (20 punti e 14 rimbalzi), i Nets la portano a casa soprattutto grazie ai 66 punti che escono dalla panchina.

WARRIORS OK – Ancora priva di Steph Curry, Golden State torna al successo passando a Sacramento (96-112) ma rischia di perdere per il resto della stagione Patrick McCaw, costretto a lasciare il campo dopo essere ricaduto male con la schiena mentre provava a schiacciare eludendo la marcatura di Vince Carter. Il giocatore è stato portato in ospedale per accertamenti ma la sensazione è che si tratti di qualcosa di grave. I Warriors prendono il largo col 36-20 messo insieme nel terzo quarto, ottima la doppia doppia per Kevin Durant (27 punti e 10 rimbalzi) e confortante anche il rientro di Klay Thompson (25 punti e 10/19 al tiro). Quarto ko consecutivo per i Kings, che non vedono l’ora che questa stagiona finisca.

Tutte le notizie di NBA[2]

References

  1. ^ twitta (twitter.com)
  2. ^ Tutte le notizie di NBA (www.tuttosport.com)