CONDIVIDI

Roma-Barcellona è stata la notte di Dzeko, De Rossi e Manolas, i 3 che il mercato avrebbe dovuto portare via dalla Capitale

Sono principalmente tre i volti che resteranno impressi per anni nella memoria dei tifosi della Roma pensando alla sfida epica contro il Barcellona: Edin Dzeko, Daniele De Rossi e Kostas Manolas. Ed è quanto meno particolare che tutti e 3 i protagonisti della notte magica dell’Olimpico siano stati – per un motivo o per un altro – ad un passo dall’addio al giallorosso.

Partiamo da Daniele De Rossi, il capitano di mille battaglie che nel corso degli anni è stato corteggiato dalle big di tutta Europa. Per lui le sirene della Premier League soltanto fino a qualche anno fa suonavano insistenti ad ogni sessione di mercato. Ma lui no, capitan Futuro come capitan Totti, si è sempre visto con la maglia giallorossa addosso fino alla fine. Anche nel maggio 2017, quando la partita del rinnovo sembrava destinata a concludersi negativamente. E invece eccolo De Rossi, autore di una prestazione contro Messi e compagni che resterà nella storia.

Un discorso simile vale pure per Dzeko, che in Inghilterra era praticamente finito nel mese di gennaio. Dopo un lungo corteggiamento il suo trasferimento al Chelsea di Conte è saltato. Il bosniaco ha detto no, ha voluto restare a Roma nella speranza di vivere notti indimenticabili in Europa, come altrimenti non avrebbe potuto fare a Londra avendo già giocato in Champions con la maglia giallorossa. Il tempo gli ha dato ragione. E di tempo per sognare ce n’è ancora.

Chiusura riservata a Manolas, il greco che ha fatto esplodere l’Olimpico realizzando il gol del 3-0. Il difensore della Roma questa stagione neanche avrebbe dovuta iniziarla in giallorosso. Era tutto fatto con lo Zenit di Mancini. Poi qualcosa negli accordi è saltato e allora ecco il piano che cambia: Manolas resta e regala alla Roma la notte che resterà nella storia. Le chiamano sliding doors, porte scorrevoli del destino…

Articolo Originale