CONDIVIDI

di Fabrizio Romano

Non l'ha presa bene, tutt'altro. Mario Mandzukic è un emotivo, un lottatore, vedere sfumare l'impresa al Bernabéu per quel rigore lo ha fatto letteralmente inferocire: dalla pancia dello stadio raccontano di un Mario furioso, la sua splendida doppietta al Real Madrid era stata il miglior biglietto da visita di un giocatore troppo spesso messo in discussione negli ultimi mesi. Mandzukic è tornato e ha dimostrato di valere livelli altissimi, anche in Champions League. Chi non ha mai avuto dubbi è certamente Allegri, suo estimatore numero uno, ma il destino del croato adesso non dipenderà soltanto da Max.

LIBERO DI SCEGLIEREMario è un classe '87, tra un mese compirà 32 anni e il suo contratto con la Juventus va a scadenza nel giugno del 2020. Non è partito un discorso concreto per il rinnovo, solo dialoghi che al momento non portano ancora alla firma. Il motivo? Mandzukic ha diverse offerte dall'estero, club pronti a ricoprirlo d'oro con contratti molto importanti per l'ultima parte della sua carriera. Dovrà quindi essere Mario a decidere cosa fare: la Juve ha intenzione di lasciarlo libero di scegliere, da qui a giugno la sua volontà sarà sovrana per capire se andare avanti insieme. La dirigenza è soddisfatta, in avanti ci saranno nuovi acquisti ma Mandzukic mantiene ottima considerazione dalle parti di Vinovo; non avrà più garanzie di essere titolare, come d'altronde quest'anno, ma sarà lui il padrone del proprio destino. Con un bivio davanti e la Juve che aspetta. E l'amarezza di Madrid ancora in bocca…

Altre notizie
su

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua squadra del cuore
e la tua e-mail, resta aggiornato sulle ultime notizie!

Vai ai commenti