CONDIVIDI

di Cristiano Ruiu

"Un anno positivo". Secondo colui che ricopre la carica di presidente del Milan, o perlomeno secondo chi ha scritto il comunicato, gli ultimi 365 giorni dei rossoneri dovrebbero rendere i tifosi ottimisti e contenti per quanto fatto finora. In pratica i "cinesi" hanno acquistato un squadra 6a in classifica, hanno speso 250 milioni sul mercato, hanno cambiato allenatore a stagione in corso per ritrovarsi ancora in 6a posizione.

Tutto il progetto Yonghong Li ha subito una bocciatura pesante dall'Uefa, tutti gli organi di informazione nazionali ed internazionali hanno bollato la cessione del Milan come un'operazione strana e con ancora parecchi lati oscuri. Gli sponsor cinesi paventati da Fassone non si sono ancora palesati e dei 90 mln che dovevano arrivare dalla Cina per ora ne abbiamo visti solamente 200.000. Infine, sempre Fassone aveva dichiarato di voler rifinanziare il debito tra febbraio e marzo, siamo ad aprile e ancora nulla si è mosso.

Ma nonostante tutto ciò dobbiamo guardare al futuro sorridendo e magari anche mostrare un pizzico d'orgoglio per quanto fatto sin qui? Ora, io credo che sia legittimo e logico per un club provare a infondere messaggi positivi ai propri tifosi, ma davanti a dati e fatti oggettivi ritengo che continuare a fingere di non vedere o di non capire significhi prendere in giro chi ha davvero il Milan nel cuore. Ad alcuni di loro, quelli ossessionati dalla passata gestione, può anche piacere tutto questo, ma i veri tifosi del Milan sono quelli che si identificano nel loro allenatore. Quelli che, come Rino, dicono la verità sempre e comunque, anche quando è scomoda e per ciò pretendono altrettanto.

Altre notizie
su

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua squadra del cuore
e la tua e-mail, resta aggiornato sulle ultime notizie!

Vai ai commenti