CONDIVIDI

"Sorteggio grandioso". E ancora: "Mi piace". Per poi lanciarsi: "Possiamo batterli. Sì, possiamo vincere". James Pallotta non sta più nella pelle. Il passaggio alle semifinali di Champions battendo il Barcellona lo ha evidentemente galvanizzato. "Affrontare il Liverpool per me è come un derby – commenta Pallotta il sorteggio di Champions -. Il Liverpool è di proprietà dei ragazzi di Boston, di John Henry. Possiamo farcela. Se può essere la rivincita dell’84? Non ero ancora nato (ride, ndr)… No non è vero, ero nato. Non credo sia una rivincita, è un’altra generazione. Dovrebbe essere una bella partita che non vediamo l’ora di affrontare".

Champions, Liverpool-Roma: "Gli inglesi si battono in questo modo"

salah — Impossibile non toccare subito il tema Salah. "Sarà divertente e sarà bello rivedere Salah – commenta il presidente della Roma -. Mi ha telefonato l'altra sera, gli ho scritto un messaggio ma non ci ho parlato oggi perché ero impegnato in riunioni". Aggiungendo: "A Salah abbiamo scritto, per 180' sarà una guerra ma per il resto della vita saremo amici e lui ha risposto 'al 100%'. Mi piace l’andata a Liverpool e il ritorno a Roma. Va bene così. Certo che possiamo vincere, perché non potremmo? Abbiamo giocato contro il Barcellona, che dovrebbe essere la squadra più forte del mondo. In questi 5 anni non abbiamo mai giocato così bene".

Liverpool, la regina inglese di Champions League

come il barça — E conclude: "Dobbiamo solo cercare di giocare e non fare errori, giocare tutta la partita. Quando arrivi a questo punto e giochi contro queste 3-4 squadre devi eliminare quanti più errori possibili, perché queste squadre sono pronte a sfruttarli. Se giochiamo come col Barcellona abbiamo delle possibilità".

Gasport

© riproduzione riservata