CONDIVIDI

Sebastian Vettel termina al quarto posto il venerdì del GP di Cina a Shanghai e analizza così la sua prestazione: "Credo che qui sia importante trovare il feeling giusto con la macchina e il set up perché il circuito è lungo ed è difficile trovare la giusta finestra di funzionamento delle gomme – dice Seb -. Sarà difficile, siamo piuttosto vicini, ma pensiamo di poter migliorare: se troviamo l'assetto ideale potremmo sprigionare tutto il potenziale che la macchina ha e ne ha tanto". La sua Loria va bene, ma potrebbe insomma andare meglio: "La macchina va bene, ma non è ancora vicina alle sensazioni che vorrei e dove vorrei portarla: siamo in cerca del giusto assetto e se qualcuno ha dei suggerimenti utili li accetto".

kimi realista — Kimi Raikkonen ha chiuso un'altra volta il venerdì davanti a Vettel: "Mi sento a mio agio, è andata piuttosto bene anche se ho trovato un po' di traffico che mi ha impedito di realizzare un tempo più veloce: ci siamo fatti una discreta idea della nostra condizione. Se saremo in grado di lottare con la Mercedes per la pole? Non ne ho idea, vedremo…".

ricciardo punta alla gara — Chi ha idee un pochino più chiare è Ricciardo: "Con le ultrasoft non mi sono trovato bene, ma con soft e medie è andata meglio: nel complesso è stata una giornata così così. Sul passo gara però andiamo meglio – chiude l'australiano -, la qualifica potrebbe essere difficile, ma sono ottimista per la gara".

hamilton sereno — Il dominatore della giornata, Lewis Hamilton, è sereno: "È stata una buona giornata nonostante il tempo sia peggiorato. Abbiamo fatto tutti i giri di cui avevamo bisogno e ottenuto un buon feedback anche con le gomme: sono abbastanza simili, non c'è una grande differenza tra loro, anche se c'è il doppio salto fra soft e ultrasoft". L'inglese è soddisfatto della sua vettura, ma vede gli avversari molto vicini: "Il bilanciamento è buono, ma dobbiamo fare qualche aggiustamento stasera perché la Ferrari è veloce e la Red Bull molto in forma sul passo: è bello vederle tutte così vicino, ma significa che abbiamo davvero bisogno di fare fino in fondo il nostro gioco".

Gasport

© riproduzione riservata

Articolo Originale