CONDIVIDI

L’ex Imperatore dell’Inter Adriano ha parlato della sua sofferenza dopo la morte del padre durante la sua permanenza al club nerazzurro

L’ex stella dell’Inter, Adriano Leite Ribeiro, si è raccontato in un’intervista piena di dichiarazioni shock ai microfoni della rivista brasiliana R7. L’ex imperatore ha confessato di aver sofferto molto dopo la morte del padre a cui era tanto legato, entrando in depressione. L’ex giocatore ha ammesso che la sofferenza lo ha portato non solo ad isolarsi, ma anche a bere in maniera smodata, tanto da presentarsi quasi sempre agli allenamenti con la squadra nerazzurra completamente ubriaco: «Quando arrivavo lo staff nerazzurro mi portava a dormire in infermeria e la società mi copriva dicendo che ero infortunato».

Adriano ha, poi, ammesso che in quel periodo non riusciva a smettere di assumere alcool, bevendo di tutto e questa condizione lo ha portato a lasciare il club che tanto ha provato ad aiutarlo. Infine l’ex giocatore brasiliano ha dichiarato di essere tornato in patria, rinunciando ai milioni, ma trovando la felicità che aveva perso tempo prima.

Articolo Originale